SELECTED

Coppia di angoliere stampigliate

Codice:  ANTANG0000061

3.600,00
Spedizione: da 75,00€ a 90,00 €

Calcola spedizione in base al CAP

Solo per l'Italia
invia

SELECTED

Coppia di angoliere stampigliate

Codice:  ANTANG0000061

3.600,00
Spedizione: da 75,00€ a 90,00 €

Calcola spedizione in base al CAP

Solo per l'Italia
invia

Dettagli Prodotto

Stile:  Luigi XVI (1774-1792)

Epoca:  XVIII Secolo - 1700

Origine:  Francia

Essenza principale:  Palissandro

Materiale:  Impiallacciatura di Citronier , Impiallacciatura di Palissandro

Descrizione:
Coppia di angoliere stampigliate a due ante mosse sul fronte impiallacciate in citronnier e palissandro. Sul fronte quattro cartelle intarsiate con filettature in palissandro e bronzi dorati sui montanti e nel basamento. Piani in breccia e piedi a mensola. Interni in abete. Le due angoliere hanno una stampigliatura sottopiano: M. Criaerd.

Condizione prodotto:
Richiedono piccoli interventi di restauro e ripresa della lucidatura.

Dimensioni (cm):
Altezza: 108
Larghezza: 73
Profondità: 32

Certificato rilasciato da:  Dott. Cuoccio Vittorio

Informazioni aggiuntive

Note storico bibliografiche:
La stampiglia è utilizzata dalla bottega parigina negli anni 70 da Mathieu Criaerd e figlio; a quegli anni vanno attribuite le due angoliere, evidentemente influenzate da un gusto Luigi XVI. Notizie si ritrovano su: Comte de Salverte, Les ebaniste du XVIII siecle, ed. F.DE NOBLE Paris 1975, pag. 76-77

Luigi XVI (1774-1792):
Lo stile Luigi XVI precede di molti anni l'avvento al trono del sovrano da cui deriva il nome. Il germe che innesca il fenomeno del Neoclassicismo è da ricercarsi nel rinnovato interesse per la cultura classica dovuto al grande clamore che in Europa suscitarono i reperti archeologici riportati alla luce negli scavi di Ercolano e Pompei, rispettivamente nel il 1738 e il 1748. La stessa corte di Francia, partecipa alla diffusione di oggetti riecheggianti l'antichità fin dall'ultimo periodo del regno di Luigi XV. La rinnovata prevalenza della compostezza delle forme geometriche che caratterizzano la mobilia di epoca neoclassica, viene accolta come un salutare antidoto alle formulazioni più libere e capricciose imposte dai dettami Rococò, ormai degenerato in rutilanti esercizi di bizzaria. La fantasia dell'artista opera libere interpretazioni desunte dagli esempi del mondo greco-romano, etrusco o egizio, da cui solo la metrica architettonica viene riproposta con stretta osservanza. In tal senso, si osservi come solo a partire dagli anni Settanta-Ottanta in ebanisteria si assiste al tramonto della fioriturica pittorica a intarsio, in favore di modelli a prevalenza di ornato geometrico. Viene dunque a maturare un arredo connotato da un estrema eleganza e di virile austerità. In Italia, lo stile Luigi XVI trova naturale diffusione, e anzi si potrebbe dire che da luogo a una tipologia del tutto peculiare. La mobilia tende nella norma fin dagli anni Sessanta-Settanta ad adottare struttura lineare e solo nell'apparato decorativo (di norma risolto a intarsio) denuncia attardamenti che rimandano ancora a mode di epoca rocaille. Di preferenza si ama utilizzare legni a colorazione bruno-chiara, come il ciliegio e in generale le lastronature di frutto: si predilige demandare all'intarsio o alle filettature effetti chiaroscurali di maggior contrasto tonale, per i quali viene frequentemente utilizzato il bosso, il noce, il palissandro o il bois de rose. Campania, Toscana, Emilia e Lombardia sono le regione che riescono a esprimere un'elevata scuola d'ebanisteria, che in taluni casi assurgono a fama europea, con artisti destinati a legare il proprio nome alla storia dell'arte, si pensi all'esempio di Giuseppe Maggiolini. Il Luigi XVI italiano rimarrà sempre legato alla produzione di complementi d'arredo specificatamente orientati alla tipologia a intarsio. Si tratta di mobili di dimensioni ben proporzionate, sorretti dalle caratteristiche gambe a piramide troncoconica, vestiti da lastronature ancora a forte spessore, e dalle specchiature del piano, dei fianchi e dei pannelli centrati da eleganti decori a valenza geometrica o di più elaborata iconografia archeologica, dove l'intaglio solo raramente giunge a lambire parti come le pilastrate o la grembiulina. La mobilia di maggior diffusione è la comode e il tavolo-consolle.

Disponibilità prodotto

Il prodotto è visibile presso Cambiago

Disponibilità immediata
Pronto per la consegna in 2 giorni lavorativi dalla conferma dell'ordine del prodotto.
Consegna tra i 7 e i 15 giorni in tutta Italia. Per le isole e le zone difficilmente raggiungibili i tempi di consegna possono variare.

Proposte alternative

Potrebbe interessarti anche

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Ulteriori informazioni. OK