selected

Arte

In evidenza

prezzo

2300 € 15500 € Applica

dimensioni opera


23 cm 226 cm

17 cm 198 cm

2 cm 43 cm
Applica

selected

Arte

Sezione Selected Arte: il meglio del nostro catalogo di dipinti, sculture e opere d'arte.

 

ordina per

SELECTED
Scena mitologica di Giovanni Battista Recchi
ARTPIT0001176

Scena mitologica di Giovanni Battista Recchi

Danae e la pioggia d'oro

ARTPIT0001176

Scena mitologica di Giovanni Battista Recchi

Danae e la pioggia d'oro

Olio su tela. In questa splendida rappresentazione, di committenza certamente privata e laica, il pittore si confronta con il tema della Danae, soggetto della mitologia greca amato e praticato da pittori del calibro di Tiziano, Correggio, Orazio e Artemisia Gentileschi, Rembrandt e altri ancora, fino a Klimt. Il mito narra che Zeus fecondò la mortale Danae attraverso una pioggia dorata; da questa unione fu generato il semidio Perseo. Nel nostro dipinto la pioggia dorata si trasforma in monete d'oro, ciascuna individuabile con un conio del periodo. Su una delle monete che cadono dal cielo vi è apposta la firma del pittore, cosa rara per un dipinto antico, che permette di attribuire con certezza il dipinto e che testimonia l'importanza che l'opera aveva all'epoca per l'autore e che riveste attualmente per gli studi della pittura Lombarda del Seicento. Sullo sfondo si intravede una città che si affaccia su un lago, con tutta probabilità una raffigurazione d'epoca della città di Como, città natale del Recchi. E' plausibile che il committente privato del dipinto avesse a che fare con il cambio delle valute data la precisione con cui sono descritti i conii delle monete che cadono dal cielo. Lo stile del dipinto appartiene ancora al tardo manierismo lombardo, praticato anche da pittori del calibro di Simone Peterzano (il maestro di Caravaggio), ma già attento alla descrizione della realtà, del dato naturale, come appare chiaro nella rappresentazione delle foglie appassite sopra la testa di Danae, una lezione che in Caravaggio troverà piena maturazione. Il dipinto, ritelato e con tracce di restauro coerente con lo stile e l'epoca, è in condizioni molto buone. Presentato in cornice dorata in stile.

Trattativa in sede

Telefona
SELECTED
Adrien Manglard, Paesaggio con scena cavalleresca
ARTPIT0000867

Adrien Manglard, Paesaggio con scena cavalleresca

ARTPIT0000867

Adrien Manglard, Paesaggio con scena cavalleresca

Olio su tela. Nel dipinto campeggia in primo piano una scena cavalleresca, probabilmente ispirata alla "Gerusalemme Liberata" del Tasso, che vede due guerrieri bardati con corazza ed elmo piumato, scudi imbracciati e spade sguainate, entrambi fiancheggiati da due dame, in procinto di affrontarsi in duello per il possesso di una cassetta posta al suolo tra i due contendenti; assistono alla contesa un terzo cavaliere con drappo rosso su un cavallo baio e un quarto in piedi di spalle, appoggiato a un doppio bastone, anch'essi in completa tenuta di guerra. La scena è ambientata in una gola montuosa con un torrione sulla destra, dinanzi a una "marina con il mare in tempesta" e una "veduta costiera" sullo sfondo. Il dipinto si inserisce con significativo rilievo nel catalogo di Adrien Manglard per la singolarità della scena figurativa abbinata alle conclamate doti di paesaggista, espresse queste ultime dal gusto della originale inventiva e della sua esplicazione prospettica, dalla resa sia delle rocce che delle onde e delle isole lontane. L'attribuzione al Manglard può essere confermata dai raffronti con diverse sue opere di simile ambientazione, essendo egli stato un affermato pittore di "marine", tanto in tempesta che in serene atmosfere di quiete. A tal scopo è possibile consultare la monografia di S. Maddalo (Adrien Manglard 1695-1760, Multigrafica editrice, Roma 1982) con particolare riferimento alle figure 34-39 e 41, incentrate su "marine" di simile ambientazione, tra cui il Ciclo di Palazzo Ducale Colorno, le tele del Museo Guéret e del Palazzo Boncompagni Ludovisi e l'affresco di Palazzo Chigi. In tali dipinti ritroviamo analoghi e talvolta quasi corrispondenti parametri inventivi, con una combaciante veste pittorica, della tela in oggetto. In essa va sottolineata in particolare la suggestiva resa del cielo tempestoso e del mare in burrasca, attestante l'attenta osservazione di questi fenomeni da parte del Manglard. Peraltro la sua validità anche come pittore di figura è comprovata da un esame generale del suo curriculum, tra cui in particolare la "Chiamata dei primi apostoli", databile al 1731. Nel dipinto è presente sigla AM sulla cassetta raffigurata in basso al centro. L'opera è accompagnata da expertise attributiva del prof. Giancarlo Sestieri. Restaurata e ritelata; è presentata in cornice in stile.

15.000,00€

Richiedi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Ulteriori informazioni. OK