Fauteuils Vintage Carmina pour Arflex des Années 70 Bois de Hêtre

Code :  MOSEPO0220494

800,00
Expédition pour l'Italie: Gratuite
Ce prix est valable pour les envois, bord de route pour les produits d'Antiquités et d'Art Modernes, réalisés dans les pays suivants (hors îles et zones défavorisées) : Italie, Etat de la Cité du Vatican, Saint-Marin
Prix réduit si vous récupérez le produit dans nos boutiques de Milan et Cambiago:
650,00 €
Ajouter au panier
Allez à noleggio.dimanoinmano.it pour louer le produit
Location
Fauteuils Vintage Carmina pour Arflex des Années 70 Bois de Hêtre

Code :  MOSEPO0220494

800,00
Expédition pour l'Italie: Gratuite
Ce prix est valable pour les envois, bord de route pour les produits d'Antiquités et d'Art Modernes, réalisés dans les pays suivants (hors îles et zones défavorisées) : Italie, Etat de la Cité du Vatican, Saint-Marin
Prix réduit si vous récupérez le produit dans nos boutiques de Milan et Cambiago:
650,00 €
Ajouter au panier
Allez à noleggio.dimanoinmano.it pour louer le produit
Location

Fauteuils Vintage Carmina pour Arflex des Années 70 Bois de Hêtre

Caractéristiques

Designer:  Carlo Santi

Production:  Arflex

Modèle:  Carmina

Période:  1970 - 1979

Pays de production:  Giussano, Lombardia, Italie

Essence principale:  Frêne

Matériel:  Tissu

Description

Paire de fauteuils vintage avec structure en bois de frêne et tissu à carreaux original dans les tons brique, modèle "Carmina", conçu par Carlo Santi et produit par Arflex à partir de 1975.

État du produit:
Produit en bon état, présente de petites traces d'usure. Nous essayons de présenter l'état réel de la manière la plus complète possible avec des photos. Si certains détails ne ressortent pas clairement des photos, ce qui est indiqué dans la description s'applique.

Dimensions (cm):
Hauteur: 99
Largeur: 72
Profondeur: 81

Hauteur de selle:  34

Informations complémentaires

Designer: Carlo Santi

Production: Arflex

Nel 1947 un gruppo di tecnici composto da Aldo Bai, Pio Reggiani, Aldo Barassi, provenienti dalla Pirelli e un giovane architetto Marco Zanuso iniziarono a sperimentare l'uso della gommapiuma e dei nastri elastici per l'arredamento. Ispiratore dell'operazione è Marco Zanuso, uno dei primissimi architetti ad interessarsi dei problemi dell'industrializzazione del prodotto, dall'applicazione dei nuovi materiali alle nuove tecnologie. Nella storia e nella vita di un'azienda ci sono vicende e momenti di speciale significato, che costituiscono titoli di merito riconosciuti da tutti. I primi fatti memorabili dell'arflex coincidono con la sua nascita, in un piccolo stabilimento di Corso di Porta Vittoria a Milano. Lì si costituì il primo nucleo organizzativo di produzione e vendita, ma il primo incontro con il pubblico avvenne in occasione della IX Triennale di Milano nel 1951 dopo due anni di sperimentazioni. È proprio questo primo affacciarsi alla ribalta di un ambito di avanguardia strettamente culturale che è da tener presente nel percorrere la storia dell'azienda, perché questo interesse sperimentale, se non disgiunto da fini commerciali, denuncia la volontà di creare prodotti di alto livello tecnologico ed estetico, sulle basi di una approfondita ricerca e sperimentazione. La Medaglia d'Oro della IX Triennale, assegnata alla poltrona Lady, ha premiato prima di tutto questo aspetto della produzione arflex. L'attenzione di arflex è costantemente diretta alla sperimentazione culturale, riuscendo a imporre prodotti nuovi, tecnologici, all'epoca del tutto inconsueti: come la poltrona Lady (Zanuso 1951Medaglia d'Oro alla IX Triennale), il divano Sleep-o-matic (Zanuso 1951 Medaglia d'Oro alla X Triennale), la poltrona Martingala (Zanuso 1952 primo esempio di dressing design), la poltrona Fiorenza (Franco Albini, 1952), la poltrona Fourline (Zanuso 1964, Medaglia d'Oro alla XIII Triennale), la sedia Lucania (De Carlo 1954), la poltrona Delfino (Carboni primi esperimenti di animal-design). Le sedie Elettra e Neptunia (1953 e '54) dello studio BBPR o la seduta Hall (Manghi, 1958) e i primi mobili direzionali di Roberto Manghi 1961, consentono di allargare la produzione ai mobili per ufficio o per ambienti pubblici oltre che a quelli per la casa. La nuova proprietà continua la collaborazione con architetti di livello internazionale: Studio Cerri, Studio Sottsass, Michele De Lucchi, Isao Hosoe (Dune, 1995 The Design Distinction Award), Hannes Wettstein (Spline premio International Design Award 2002), Prospero Rasulo, Carlo Colombo, Christophe Pillet, Vincent Van Duysen, Cini Boeri, Carlo Ferrando, Mauro Lipparini, Burkhard Vogtherr, riprende anche la collaborazione con giovani designer come Monica Graffeo producendo sedia Mints (premio Young&Design 2004). arflex riprende anche quella 'sperimentazione-ricerca' creata da Zanuso-arflex nel 1950 dove la forma dell'oggetto era data dai materiali e dalle tecnologie utilizzate, ne sono un esempio il tavolo di Stefano Gallizioli del 2002, la cui forma è vincolata da una tecnologia innovativa brevettata per la produzione e l'assemblaggio del piano o come le sedute per aeroporti di Mangiarotti del 1998 dove la base in marmo veniva ricavata con una nuova tecnologia di taglio. Questi prodotti rimasero solo dei prototipi, invece vengono messe in produzione le mensole Live disegnate da Giuseppe Vigano 2004 il quale adattò la forma della mensola al brevetto di utilità inventato dall'azienda.

Période: 1970 - 1979

1970 - 1979

Essence principale: Frêne

Le bois de frêne est divisé en deux types. Le premier, le frêne blanc, est obtenu à partir du fraxinus indiana qui pousse en Amérique du Nord et en Europe, est très élastique et résistant mais sujet aux vers du bois. Il est utilisé dans la construction de meubles et plus rarement comme ornement. Le deuxième type, le frêne commun, est obtenu à partir du fraxinus excelsior qui pousse en Europe, dans le nord-ouest de l'Afrique et en Asie occidentale, et était utilisé par les ébénistes anglais et américains pour fabriquer des chaises. -

Matériel: Tissu

D'autres clients ont recherché:

Poltrona modernariato, poltroncine, poltrona anni '70, poltrona anni '60, poltrona anni '50, poltrona anni '40, poltrona anni '30, poltrona modernariato, poltrona design, chaise lounge, poltrona da ufficio, bergère ..

Leggi tutto Se ti piacciono i divani di modernariato, consulta i nostri approfondimenti sul blog e le presentazioni FineArt:
Le sedute e la nascita del design - Parte 1
Le sedute e la nascita del design - Parte 2
La poltrona Bergère: trasformazioni di un intramontabile classico
Dici relax e pensi poltrona
Breve storia della sedia, dall'Antico Egitto alla produzione in serie

La Red Blue, il colore come elemento costruttivo
La P40 di Osvaldo Borsani, design al servizio del relax
Una poltrona elegante e sinuosa: la Senior di Zanuso
LC4: Le Corbusier al servizio del relax
La poltrona Barcellona
Lady: la regina delle poltrone
Maralunga: la seduta in movimento
Square: la poltrona secondo Marco Zanuso
Un grande classico: la Lounge Chair di Eames

esempi di abbinamenti di poltrone di modernariato su Corner MiX:
Corner MiX n.1
Corner MiX n.3
Corner MiX n.4
Corner MiX n.5
Corner MiX n.6
Corner MiX n.8
Corner MiX n.11
Corner MiX n.12
Corner MiX n.14
Corner MiX n.15
Corner MiX n.16
Corner MiX n.17
Corner MiX n.18

FineArt:
Seggiolone, Roma XVII secolo
E dai un'occhiata anche alle poltrone tra gli arredi di design
Poltrone Delfino, Erberto Carboni per Arflex
Poltrona 'Fiorenza', Franco Albini per Arflex
Poltrona Regent, Marco Zanuso per Arflex
Poltrone Delfino, Erberto Carboni per Arflex
Poltrona '806' Carlo De Carli per Cassina

Sul modernariato in generale
From the Sixties to the Sixteenth Century – From the Sixteenth Century to the Sixties
Sedute design
Le sedute e la nascita del design
Sacco - la poltrona trasformista
Valigia - la lampada da viaggio
Pistillino - la natura che incontra il design
Eames lounge chair
Tizio by Artemide - l'equilibrio del movimento
Come dare un look mid century alla propria casa
Design scandinavo vs Design Italiano
Alla scoperta del modernariato

La disponibilité des produits

Le produit est visible à Milan

Disponibilité immédiate
Prêts à être livrés sous 2 jours ouvrables de la commande du produit.

Propositions alternatives
Cela pourrait aussi vous intéresser