Lampada 'Papillona' Tobia Scarpa per Flos Italia Anni 70

Codice :  MOILIL0210235

non disponibile
Lampada 'Papillona' Tobia Scarpa per Flos Italia Anni 70

Codice :  MOILIL0210235

non disponibile

Lampada 'Papillona' Tobia Scarpa per Flos Italia Anni 70

Caratteristiche

Designer:  Tobia Scarpa

Produzione:  Flos

Modello:  Papillona

Periodo:  1970 - 1979

Paese produzione:  Italia

Materiale:  Alluminio Laccato , Alluminio Smaltato , Vetro

Descrizione

Lampada da terra vintage con struttura in alluminio smaltato e laccato nero e rosso e diffusore in vetro prismatico.

Condizione prodotto:
Lampada in buone condizioni, presenta piccoli segni di usura. Cerchiamo di presentare lo stato reale delle lampade nel modo più completo possibile con le foto. Qualora alcuni particolari non risultassero chiari dalle foto, fa fede quanto riportato nella descrizione.

Dimensioni (cm):
Altezza: 192
Larghezza: 25
Profondità: 25

Informazioni aggiuntive

Designer: Tobia Scarpa

Tobia Scarpa realizza i primi lavori alle vetrerie Venini. 1957 - inizia a lavorare con Afra Bianchin. 1959/60 - Tobia Scarpa realizza il primo progetto di design al corso di Arredamento tenuto da Franco Albini (poltroncina Pigreco). 1959/63 - Collabora col padre Carlo, docente dello I.U.A.V. (Istituto Universitario di Architetture di Venezia) a progetti di architettura di design. 1969 - Si laureano in architettura alla Facoltà di Venezia, ma alle spalle hanno già un'attività professionale consolidata. 1960 - Partecipano attivamente alla nascita della ditta Flos. 1960/63 - Collaborano con Dino Gavina come designers e nascono il divano "Bastian" ed il letto "Vanessa". 1963 - Inizia la collaborazione con la ditta di Meda. 1964 - Collaborano con la ditta Stildomus il cui proprietario è Aldo Bartolomeo. Incontrano Luciano Benetton per il quale progetteranno la prima fabbrica (il maglificio), la casa, e la catena di negozi, protagonista di un nuovo atteggiamento per la gestione della produzione, distribuzione e vendita, curando quindi l'immagine della società. 1966 - Progettano per la Eclisse e la Vico Magistretti. 1981 - Progettano per la Goppion. 1986 - Collaborano con la Casas. 1987 - Collaborano con la Meritalia. 1989 - Progettano per la IB Office.
Scopri di più su Tobia Scarpa con i nostri approfondimenti:
FineArt: Due Poltrone 'Soriana'
FineArt: Divano tre posti 'Soriana'
FineArt: Divano due posti 'Soriana'
FineArt: Due Poltrone 'Soriana'
FineArt: Divano 'Soriana' due posti
Soriana, il divano con un'immagine complessa

Produzione: Flos

All'origine di Flos c'è prima di tutto un'idea luminosa, il pensiero che da una lampadina, o meglio da una nuova idea di come disegnare la luce artificiale, potessero nascere degli oggetti adatti a cambiare un pò il modo di vita degli italiani: popolazione come si sa molto viziata dall'essere nata, cresciuta e vissuta in un territorio dove a ogni passo s'inciampa in qualcosa che ha a che fare con l'arte. Alla fine degli anni 50 un signore chiamato Dino Gavina, un signore molto individualista e quasi invasato dall'idea che l'Italia dovesse essere la nuova patria di una nuova cultura dell'arredamento, dopo aver incontrato l'inventore e piccolo produttore di Merano Arturo Eisenkeil, si è messo in testa che dopo aver creato molti nuovi mobili (con Achille e Pier Giacomo Castiglioni, Ignazio Gardella, Carlo e Tobia Scarpa e altri geni dell'architettura italiana), fosse arrivato anche il momento di creare nuove lampade. La tecnica del cocoon usata da Eisenkeil, una resina spruzzata su un telaio metallico, sembrava perfetta per cominciare: non si trattava di decorare una lampadina, ma di dare magia alla luce che da essa proveniva filtrando attraverso un materiale nebuloso ma per questo affascinante, come sono le nuvole. Rapidamente alla tecnica del cocoon ne sono seguite molte altre, bellissime e ancora molto sorprendenti per quel paese ancora così legato a vecchie idee dell'arredamento: così che, volente o nolente, già dalla sua preistoria Flos (cioè l'azienda con il nome inventato da Pier Giacomo Castiglioni succeduta alla Eisenkeil) si è trovata in quella interessante, a volte scomoda posizione di chi è obbligato a produrre continuamente oggetti d'invenzione. Nel 1966 si apre una nuova fase con il passaggio della società dalla gestione artistica di Dino Gavina a quella più imprenditoriale di Sergio Gandini. Già impegnato dal 1959 nell'arredamento con la moglie Piera nel negozio Stile di Brescia (uno spazio che è già un punto di riferimento per molte aziende del settore), quando la Flos si trasferisce nella sua città, per sfruttare la storica competenza di quello che si chiamerebbe oggi un distretto industriale per la lavorazione dei metalli, Gandini è presto coinvolto come socio nell'azienda dallo stesso Gavina e da Cesare Cassina. Afra e Tobia Scarpa e i fratelli Castiglioni, da allora e per molti anni a venire saranno l'anima creativa di tutta la produzione Flos. Nel caso di Flos è certamente fortunato l'incontro con i due fratelli Castiglioni, prima, e poi con il solo Achille, alla morte prematura di Pier Giacomo nel 1968. Inventori più che architetti, artisti oltre che designer, sono capaci di assemblare componenti industriali esistenti (come nella Toio, o nello sgabello Mezzadro per Zanotta) o inventate (come nella Arco, la Splugen, la Black and White o la Parentesi, ideata nel 1969 con Pio Manzù) fino a creare nuovi generi di illuminazione artificiale, con un'immediatezza di forma e significato difficili da ritrovare in altri progettisti. Ancora più esemplare è la sintonia che si crea tra loro e Sergio Gandini, quando questi li chiama a rendersi corresponsabili di tutte le scelte di prodotto. Non si tratta più soltanto di creare un oggetto importante, un segno formale di grande maestrìa, ma di progettare l'intero suo ciclo di vita nella produzione e sul mercato, fino all'utilizzo finale. La bella utopia dell'oggetto che incontra necessariamente il gusto del pubblico solo per la bravura del designer viene superata da un realismo concreto, che fa lavorare insieme Gandini, Castiglioni e Scarpa su problemi come l'imballaggio, la grafica, l'immagazzinaggio, la distribuzione, con lo stesso impegno dedicato allo studio della luce o al materiale del prodotto. La prima società estera viene aperta in Germania nel 1971, mentre il 1973 è l'anno dell'espansione dello stabilimento (da 800 a 5400 mq) e dell%u2019acquisizione di Arteluce: la one-man-company di Gino Sarfatti, uno dei più grandi talenti italiani nel progetto dell'illuminazione, autore dagli anni 40 di pezzi eccellenti ma poi legato a una dimensione del prodotto e della fornitura ancora in larga parte. Con la collaborazione di Paolo Rizzatto, allora designer alle prime armi, e di Marco Pezzolo alla direzione, Gandini inizia a riprogrammare il catalogo: mantiene pochi pezzi iconici originali di Sarfatti, generando nel tempo con designer come King Miranda e Arnaldi, Ezio Didone, Marc Sadler, Matteo Thun, lo stesso Rizzatto, una serie di nuovi prodotti molto indovinati e importanti sul piano commerciale. Il vero cambio strategico avviene però con l%u2019arrivo di Philippe Starck, che inizia la collaborazione con Arà (1988), una curiosa lampada orientabile a corno che riflette l'immaginario favolistico di un autore lanciato verso l'estrema popolarità. Piero Gandini ha già intuito le possibilità commerciali del lavoro di Starck e accetta volentieri quando questi, ormai affermatissimo come interior designer, propone di produrre in serie un piccolo oggetto in plastica immaginato per un albergo di New York: Miss Sissi, una specie di icona dell'abat-jour, "What everybody thinks in their unconscious a lamp is", "Quello che tutti nel loro incoscio pensano come una lampada" dirà Starck in una sua conferenza anni dopo. Sergio Gandini ha inizialmente qualche perplessità, ma nel 1991 il progetto va in produzione ed è un incredibile successo. Con gli anni 90 continua così il lento declino della lampada a incandescenza, che cede all'invasione di quella a basso consumo energetico, mentre inizia a configurarsi come una vera e propria rivoluzione quella dei LED.

Periodo: 1970 - 1979

Materiale:

Alluminio Laccato

Alluminio Smaltato

Vetro

Altri clienti hanno cercato:

Lampada da terra design, lampada da terra modernariato, lampada da terra anni '70, lampada da terra anni '60, lampada da terra anni '50, lampada da terra design, lampada a stelo..

Se vuoi conoscere qualcosa in più sul mondo dell'illuminazione di modernariato, consulta gli approfondimenti del nostro blog:
Che cos'è il vetro opalino
Il lampadario Maria Teresa, un grande classico dell'illuminazione
Due epoche per un lampadario dal gusto unico
Lampadari Neoclassici Eleganti per Ricevimenti

Le Icone del design:
Lampada Arco: icona tra le icone

Esempi di abbinamento di lampade da terra di modernariato con altri arredi, su Corner MiX:
Corner MiX n.5
Corner MiX n.18

Consulta anche il nostro Catalogo illuminazione FineArt in cui puoi trovare lampade da terra di rara bellezza, come, per esempio:
Lampada LTE8 di Ignazio Gardella per Azucena
Lampada LTE10 Luigi Caccia Dominioni
Lampada "Excalibur" Ettore Fantasia e Gino Poli per Sothis
Lampada da terra 'Prisma LTE12', Ignazio Gardella per Azucena
Lampada da terra 'Polimnia', BBPR per Artemide
Lampada da Terra 'Ro' Studio BBPR
Coppia di Candelabri, Claude Francois Rabiat, Parigi, 1810 ca.

Sul modernariato in generale
From the Sixties to the Sixteenth Century – From the Sixteenth Century to the Sixties
Sedute design
Le sedute e la nascita del design
Sacco - la poltrona trasformista
Valigia - la lampada da viaggio
Pistillino - la natura che incontra il design
Eames lounge chair
Tizio by Artemide - l'equilibrio del movimento
Come dare un look mid century alla propria casa
Design scandinavo vs Design Italiano
Alla scoperta del modernariato

Proposte alternative
Potrebbe interessarti anche