prezzo

170 € 15000 € Applica

dimensioni opera


7 cm 290 cm

7 cm 560 cm

0 cm 58 cm
Applica

artista

ARTE

 

Nel nostro catalogo puoi trovare Opere d’Arte del XVI secolo fino ai giorni nostri. Nella nostra galleria d’arte online è presente un importante e raffinata selezione di quadri antichi, arte contemporanea, dipinti antichi e sculture con cui potrai arricchire la tua casa.

Tour Virtuali dei negozi
 

 

ordina per

Adorazione dei Pastori
novità
ARARPI0057276
Adorazione dei Pastori

ARARPI0057276
Adorazione dei Pastori

Olio su tela. Scuola del Centro Italia. Scena ricca di dinamismo proprio del gusto barocco, centrata sulle figure di Maria e il Bambino, circondati da figure adoranti: sulla destra San Giuseppe, a sinistra due pastori e in alto una schiera di angeli incensanti. Il dipinto, già restaurato e ritelato, presenta piccole diffuse cadute di colore. Presentato in cornice in stile.

Nel Carrello

1.800,00€

Nel Carrello
Santa Margherita
novità
ARARPI0057179
Santa Margherita

ARARPI0057179
Santa Margherita

Olio su tela. La giovane martire Margherita d'Antiochia viene raffigurata in atteggiamento estatico, con i suoi simboli iconografici: tiene in mano la palma del martirio e la Croce, ai suoi piedi il drago. Secondo la tradizione, la fanciulla, incarcerata perché cristiana durante la persecuzione di Diocleziano, venne visitata in carcere dal demonio in spoglia di drago che la inghiottì: Margherita, armata della croce, gli squarciò il ventre e ne uscì vittoriosa. Per questo motivo viene invocata come patrona dalle partorienti, per ottenere un parto facile. Restaurato e ritelato, il dipinto è presentato in cornice in stile.

Nel Carrello

2.400,00€

Nel Carrello
Figura con Cane
novità
ARARPI0057306
Figura con Cane

Dipinto sotto Vetro

ARARPI0057306
Figura con Cane

Dipinto sotto Vetro

Dipinto sottovetro. In un paesaggio di campagna, alle porte di un casolare, un uomo che porta una lampada ad olio e tiene una lancia si addentra fuori del sentiero, forse a caccia, seguito dal cane. La costruzione e il paesaggio sono di tipo nordico. Il dipinto è presentato in cornice in stile.

Nel Carrello

450,00€

Nel Carrello
Carlo Aimetti
novità
ARARNO0092107
Carlo Aimetti

Il Fiume Ceresio, 1944

ARARNO0092107
Carlo Aimetti

Il Fiume Ceresio, 1944

Olio su compensato. Firmato e datato in basso a sinistra. Al retro presente cartiglio di partecipazione a mostra di pittura presso l'Arengario della città di Monza. Originario della provincia di Varese, Carlo Aimetti si è dedicato prevalentemente al paesaggio, dipingendo con tecnica personale giardini, parchi, montagne, marine, laghi. In particolare si ricorda la sua produzione dedicata ai paesaggi della natia Valle Ceresio e della Valle Intelvi. Il dipinto è presentato in cornice coeva.

Nel Carrello

240,00€

Nel Carrello
Paesaggio montano 1968
novità
ARTNOV0002046
Paesaggio montano 1968

ARTNOV0002046
Paesaggio montano 1968

Olio su compensato.In basso a sinistra presente firma B.Roncaglia con data 1968. Scorcio di vallata alpina con laghetto all'ombra degli abeti. Presentato in cornice.

Nel Carrello

200,00€

Nel Carrello
Paesaggio di Roul Viviani
novità
ARARNO0107257
Paesaggio di Roul Viviani

Rapallo

ARARNO0107257
Paesaggio di Roul Viviani

Rapallo

Olio su cartone. Firmato in basso al centro. Al retro il titolo. Scrittore e critico d'arte, oltre che pittore, disegnatore e incisore, Raul Viviani si formò artisticamente a Milano, ove esordì molto giovane ottenendo l'apprezzamento della critica. Egli fu prevalentemente paesaggista: pur avvicinandosi alla tecnica divisionista, Viviani pervase i suoi paesaggi di un'intima poesia e di un'atmosfera di sospensione temporale, che conferirono un marchio assolutamente personale alle sue opere. L'opera è presentata in cornice.

Nel Carrello

170,00€

Nel Carrello
San Francesco in estasi, 1847
novità
ARARPI0057297
San Francesco in estasi, 1847

ARARPI0057297
San Francesco in estasi, 1847

Olio su tela. In basso a sinistra presente un doppio monogramma AL -LB e la data 1847. San Francesco in contemplazione della Croce nel deserto roccioso, volge il capo in estasi verso la luce che proviene dall'alto. Il dipinto è presentato in cornice di fine '800.

Nel Carrello

1.100,00€

Nel Carrello
Busto Femminile in Terracotta
novità
ARARAR0167466
Busto Femminile in Terracotta

Italia Fine XIX – Inizio XX Secolo

ARARAR0167466
Busto Femminile in Terracotta

Italia Fine XIX – Inizio XX Secolo

Busto femminile in terracotta, probabile manifattura di Signa, Italia fine XIX – inizio XX secolo. Copia del celebre ritratto di matrona di età adrianea, datato ca. 128-130 d.c. e custodito presso le Gallerie degli Uffizi di Firenze. La figura femminile ritratta incarna il tipo ritrattistico principale della sposa di Adriano, e quindi l'esempio delle ricche e raffinate patrone ed evergeti d'età imperiale.

Nel Carrello

1.200,00€

Nel Carrello
Cesare Gheduzzi
novità
ARARNO0091817
Cesare Gheduzzi

Il Rosa Visto da Stabbioli, mattina, 1927

ARARNO0091817
Cesare Gheduzzi

Il Rosa Visto da Stabbioli, mattina, 1927

Olio su tavola. Firmato in basso a sinistra. Al retro il titolo, la data di esecuzione 17/11/27 e la dedica "Dono dell'autore, allievo del pittore Follini di Torino". Originario di Bologna, ma trasferitosi presto a Torino, Cesare Gheduzzi fu qui allievo di Carlo Follini, il cui insegnamento fu decisivo per la sua formazione artistica; si dedicò prevalentemente al paesaggio, quello delle sue terre, animato da scene di vita popolare, che seppe descrivere con fedeltà ed eleganza. L'intenso paesaggio, una vista del Monte Rosa dall'ampia e distesa vallata di Stabbioli, frazioncina del comune di Macugnaga, è animata dalla figura solitaria di una contadina con la gerla vuota in spalla e la capretta a fianco, diretta verso la malga al centro. Opera presentata in cornice.

Nel Carrello

600,00€

Nel Carrello
Trompe l'oeil con paesaggio
novità
ARARNO0064554
Trompe l'oeil con paesaggio

ARARNO0064554
Trompe l'oeil con paesaggio

Olio su tela. Da una finestra incorniciata da tendoni rossi, lo sguardo si perde in una campagna verdeggiante, attraversata da un sentiero. Al retro è presente il nome Zanfagna, ma l'autore è ignoto.

Nel Carrello

600,00€

Nel Carrello
Gruppo di sei Cornici del XIX Secolo
novità
ARAROT0118742
Gruppo di sei Cornici del XIX Secolo

ARAROT0118742
Gruppo di sei Cornici del XIX Secolo

Cornici lignee del XIX secolo, recanti all'interno incisioni su carta raffiguranti personaggi illustri, in particolare sei studiosi e filosofi (Voltaire, Rousseau, Montaigne, Linné, Fénelon e Mably). Le stampe sono state incise da Pierre-Michel Alix (1762-1807) incisore francese che realizzò nel 1792 la "Collection de portraits de grands hommes". Le incisioni presentano danni da umidità e macchie.

Nel Carrello

280,00€

Nel Carrello
Ultima Cena di Leonardo
novità
ARARNO0106138
Ultima Cena di Leonardo

Riproduzione Tessile

ARARNO0106138
Ultima Cena di Leonardo

Riproduzione Tessile

Riproduzione tessile in seta, a due colori. Realizzata su disegno di T. Strazza, come indicato in basso a sinistra. La fedele riproduzione del dipinto leonardesco rientra in una fiorente produzione manufatturiera lombarda, che ripropose il capolavoro in diversi formati. L'opera è presentata in cornice coeva in legno.

Nel Carrello

200,00€

Nel Carrello
Venere e le Grazie Danzano davanti a Marte
novità
ARARPI0099244
Venere e le Grazie Danzano davanti a Marte

ARARPI0099244
Venere e le Grazie Danzano davanti a Marte

Olio su tela. Scuola Nord-Italia. Nella scena quattro fanciulle danzano, accompagnandosi con diversi strumenti: Venere, che si distingue per la corona sul capo, batte su un triangolo, le tre Grazie hanno un tamburello e delle nacchere. In basso al centro, un fanciullo le accompagna con il flauto, mentre sulla sinistra, seduto su una roccia appoggiato alla sua spada, le osserva il dio Marte. Restaurato e ritelato, il dipinto è presentato in cornice antica ridorata.

Nel Carrello

4.500,00€

Nel Carrello
Ritratto di Eleonora Lampugnani
SELECTED
novità
SELECTED
ARARPI0097145
Ritratto di Eleonora Lampugnani

ARARPI0097145
Ritratto di Eleonora Lampugnani

Olio su tela. Scuola lombarda. La ricca dama ritratta è accompagnata dalla scritta identificativa in alto a destra che recita "Eleonora Lampuniana Nupta N.V. Bartolomei De Cornu 1478": si tratta quindi di Eleonora Lampugnani moglie di Bartolomeo Del Corno. La famiglia Lampugnani è un' antica famiglia patrizia di Milano (il nome deriva dal quartiere Lampugnano), con residenze a Legnano e Busto Arsizio, e alla quale Filippo Maria Visconti (duca di Milano) assegnò nel XV secolo il feudo di Trecate; il marito della nobildonna apparteneva invece alla nobile famiglia piemontese Corno (in origine detta Del Corno). La nobildonna è ritratta in piedi, in splendida veste riccamente ricamata e impreziosita da pizzi; essa poggia la mano su un prezioso cofanetto intarsiato in avorio, probabilmente un monetiere, simbolo di ricchezza e potere, sormontato peraltro da un vaso con fiori, simbolo piuttosto di vanità. Il dipinto presenta un restauro antico sulle mani, che risultano di qualità inferiore rispetto a quella del volto, delle vesti, del vasetto di vetro. Il dipinto proviene da antica collezione lombarda. La data 1478 riportata con la scritta, risulta poco consona all'abbigliamento cinquecentesco: secondo il racconto della famiglia di provenienza del dipinto, la data che compariva prima dell'ultimo restauro era 1578, e si tratterebbe pertanto di una modifica fatta erroneamente dal restauratore.

Nel Carrello

8.000,00€

Nel Carrello
La Fuga in Egitto
novità
ARARPI0095612
La Fuga in Egitto

ARARPI0095612
La Fuga in Egitto

Olio su tela. Scuola italiana. La scena ricca di figure, propone la Sacra Famiglia in cammino verso l'Egitto, guidata da un Angelo e dall'alto assistita da altri angioletti. Inserite in un classico paesaggio italiano, le figure sono raffigurate in una dimensione molto terrena: il Bambino, seppur aureolato, dorme tranquillo in braccio alla Madre; Maria, che indossa un inconsueto copricapo da pellegrina, incrocia lo sguardo con il suo sposo Giuseppe, il quale mentre con un gesto tenero (le poggia una mano sul ginocchio) la sta rassicurando, dialoga intanto con l'Angelo da cui si fa indicare la strada. Ritelato, il dipinto presenta alcune cadute di colore che necessitano di restauro. E' in cornice adattata, di fine '800- inizio '900.

Nel Carrello

2.400,00€

Nel Carrello
Nausicaa Berbenni
novità
ARARCO0106146
Nausicaa Berbenni

Camicia di Forza

ARARCO0106146
Nausicaa Berbenni

Camicia di Forza

Scultura realizzata con caramelle. Nausicaa Berbenni, nata nel 1983 a Trescore Balneario (Bg), vive e lavora a Milano. Formatasi artisticamente all'Accademia di Brera, ha rilevato la pasticceria del padre e ha coniugato le due passioni, quella per l'arte pasticcera con quella per l'arte figurativa, realizzando dipinti e sculture fatte di caramelle e pasta di zucchero. L'opera proposta, una camicia di forza di dimensioni reali presentata su un busto manichino, è realizzata con le caramelline tonde con il buco, "cucite" insieme: purtroppo nel tempo le caramelle hanno perso i loro colori originali (che ben si vedono nella foto ad autentica), passando da una fantasia di colori pastello ad una quasi monocromia di marrone, che conferisce un aspetto molto più severo e drammatico all'opera.

Nel Carrello

700,00€

Nel Carrello
Fiori 1949
novità
ARARNO0106870
Fiori 1949

Arazzo

ARARNO0106870
Fiori 1949

Arazzo

Arazzo, realizzato con un finissimo lavoro di cucito. In basso a destra è presenta la firma P. Sacchi con la data di realizzazione 1949. Il lavoro propone una composizione floreale in vaso, caratterizzata dalla ricca varietà di fiori. In cornice coeva.

Nel Carrello

300,00€

Nel Carrello
Jenny Watson
novità
ARARCO0106145
Jenny Watson

Senza Titolo

ARARCO0106145
Jenny Watson

Senza Titolo

Tecnica mista su scampolo di tessuto, con elementi aggiunti di materiali vari. La tela quadrata disegnata ad olio, presenta un figura di donna a cavallo; la coda del cavallo, da applicare sopra, è realizzata in crini sintetici; accompagnano poi il dipinto, proposti in affiancamento, una piccola tela rettangolare su cui è scritto un testo in inglese, a guisa di stralcio di lettera, e un posacenere in ceramica a forma di cavallino. Jenny Watson è un'artista australiana (nata e formatasi a Melbourne) che ha adottato diversi approcci stilistici alla sua pittura, utilizzando una gamma di materiali e tessuti diversi, come elementi in velluto e collages, e coniugando spesso immagini e parole. I soggetti da lei proposti sono stati sempre tendenzialmente autobiografici: a partire da ispirazioni punk e femministe, Jenny Watson ricrea un intimo diario in cui figure e parole s'intrecciano a comporre brevi narrazioni quotidiane. La sua personale iconografia è fatta di autoritratti (la donna dai capelli rossi non è altri che la stessa artista), cavalli, gatti, interni domestici e lettering, resi con freschissime pennellate che molto spazio lasciano all'immaginazione, anche se le figure sono rese in modo molto rigido e fisso, quasi a denunciare la assenza di movimento sociale, soprattutto nei confronti delle donne. Le sue opere sono spesso accompagnate da piccole tele colorate che riportano poetiche descrizioni del suo lavoro, rendendo immediato il processo di immedesimazione dello spettatore. L'opera qui proposta è stata presentata ad una personale di Jenny Watson tenutasi nel 2018 a Trento, presso lo Studio d'Arte Raffaelli, dal titolo "Jenny around the world". E' corredata di foto che mostra come è stata realizzata la sua presentazione a tale mostra ed è allegato anche il biglietto d'invito alla mostra degli acquirenti dell'opera in tale sede. Allegato inoltre piccolo catalogo di mostra dell'artista tenutasi nel 1993 a Como.

Nel Carrello

2.400,00€

Nel Carrello
Allegoria dell'Amore
SELECTED
novità
SELECTED
ARARPI0097148
Allegoria dell'Amore

ARARPI0097148
Allegoria dell'Amore

Olio su tela. Scuola nord-europea. Si tratta di una divertente scena allegorica dell'amore profano, che vuole dimostrare come tutte le persone, di qualunque ceto sociale e di tutte le età, possono cadere nella trappola dell'innamoramento. Lo sfondo della tela è occupato da una enorme nassa, la rete a canestro usata in alcuni tipi di pesca, sopra l'imbocco della quale siede un putto violinista, intento a suonare; la nassa è affollata di coppie, mentre una sfilata di altre cammina davanti ad essa per raggiungerne l'entrata. Tra di esse vi sono coppie di anziani e di giovani, coppie di ricchi e di poveri, nobili, borghesi e proletari: tutti hanno espressioni liete e leggere, si lanciano sguardi innamorati o guardano benevolmente alla felicità degli altri. All''interno della nassa è presente addirittura una coppia di reali, che corrispondono per fattezze e abbigliamento all'elettore palatino della Renania, Giovanni Guglielmo del Palatinato-Neuburg e alla seconda moglie Anna Maria Luisa de'Medici. Al retro del dipinto è presente un'etichetta che riporta una storica attribuzione a Jan Frans Douven (1656-1727): l'artista olandese che dal 1682 si trasferì a Düsseldorf come pittore ufficiale alla corte dell'elettore palatino della Renania, realizzando soprattutto scene della vita quotidiana del principe e della sua seconda moglie. L'etichetta confermerebbe quindi l'ambito di attribuzione ad artista del XVII-XVIII secolo del nord-Europa. Il dipinto proviene da collezione storica milanese. Presenta tracce di restauri e un rattoppo. In cornice in stile.

Nel Carrello

12.000,00€

Nel Carrello
Ritratto di Bartolomeo De Olevano
novità
ARARPI0097144
Ritratto di Bartolomeo De Olevano

ARARPI0097144
Ritratto di Bartolomeo De Olevano

Olio su tela. Scuola lombarda. E' il ritratto in piedi di un uomo in armatura, in atteggiamento fiero, quasi in movimento, la mano poggiata sull'elsa della spada; in alto a sinistra uno stemma; in basso a destra un cartiglio dipinto con lunga scritta in latino, che identifica l'uomo. Si tratta di Bartolomeo III Olevano, appartenente alla potente famiglia dei nobili Olevano, feudatari di numerose località del pavese e della Lomellina (ove ancora esiste il loro castello), che ebbe gran voce nelle vicende di Pavia e del suo contado fino al secolo XVIII. Bartolomeo III, nato nel 1512, si dedicò all'arte della guerra per quarant'anni, compiendo numerose e onoratissime imprese, fu prefetto di Mortara e Novara durante la dominazione di Carlo V, maestro dei militi e ambasciatore di Filippo II. Nel cartiglio sono riassunte le sue imprese più importanti: è disponibile traduzione del testo. Lo stemma raffigurato presenta a sinistra la pianta dell'ulivo da cui la famiglia prese il nome. Il dipinto proviene da importante collezione di famiglia storica lombarda.

Nel Carrello

9.000,00€

Nel Carrello