Arte

prezzo

160 € 14000 € Applica

dimensioni opera


18 cm 255 cm

9 cm 275 cm

0 cm 61 cm

25 cm 52 cm
Applica

artista

Arte

Nel nostro catalogo puoi trovare Oggetti e Opere d'Arte dal XVI° secolo fino ai giorni nostri.

Arte antica, icone, arte contemporanea, pittura antica, arte dell'800 e del '900.


Possiedi opere d'arte simili da vendere? Contattaci!  Acquistiamo T  Acquistiamo Mail  Acquistiamo W


ordina per

Gianriccardo Piccoli
novità
ARARCO0055887

Gianriccardo Piccoli

Senza titolo, 1992

ARARCO0055887

Gianriccardo Piccoli

Senza titolo, 1992

Tecnica mista su tela e garza. Firmato e datato 1992 sul retro, con dedica "A Donato". Gianriccardo Piccoli (Milano 1941) compie la sua formazione all'Accademia di Brera e ha la sua prima mostra personale,dedicata ai disegni, a Milano nel 1963. Nel corso degli anni settanta approfondisce l'indagine sugli interni e sul paesaggio, temi e soggetti che resteranno ricorrenti nella sua produzione successiva. Considerato come un esponente della “figurazione esistenziale”, l'artista ha ottenuto numerosi riconoscimenti come il premio Feltrinelli nel 1984, la mostra personale al Teatro Sociale di Bergamo e la partecipazione alla Biennale di Venezia nel 1986. Dal 2003 si trasferisce per lunghi periodi di soggiorno a Basilea e mette mano a nuovi materiali (cera vergine, filo di ferro, rame) sempre inseriti in orchestrazioni pittoriche che riassumono i temi a lui cari. Le opere di Piccoli hanno un dentro e un fuori, costituiscono una sorta di teatrino delle apparizioni all'interno del quale si possono trovare oggetti, disegni, calchi in cera, sculture o sagome in fil di ferro, veline colorate, manufatti di carta. Piccoli realizza in particolare le sue opere sovrapponendo sulla tela garze e acetati, utilizzando anche colori industriali, oltre ai più tradizionali olio e tempera e dando vita ad immagini di grande impatto visivo, ma anche di imprevedibile leggerezza. La tecnica della garza dipinta muta la struttura delle opere originali in silhouette prive di dettagli. Come spiega l'artista: "la doppia superficie dipinta – sulla garza e nel quadro – implica una messa a fuoco da parte dello spettatore e richiede un tempo lungo di osservazione per entrare in relazione con l'opera. Bisogna potersi fermare qualche istante e non lasciarsi prendere solo dalla necessità di apparire. Andare in profondità è poco in relazione con il nostro tempo ma è l'unica cosa che ci resta da fare per non essere dei “surfisti”, o peggio, solo delle ombre".

Nel Carrello

4.200,00€

Nel Carrello

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Ulteriori informazioni. OK